La vigna storica è quella “del nonno Ulisse”, sulla quale sono stati spesi lacrime e sudore e dove, da bambino, ho mosso i miei primi passi da agricoltore in erba guidato dalla sua forte esperienza.

Alla vigna del nonno se ne sono aggiunte altre e ora l’impianto copre circa 7 ettari di terreno, che corrono accanto al centro del paese di San Giovanni del Dosso, in Lombardia, immersi nelle meraviglie naturali dell’Oltrepò mantovano.

Qualcuno, forse, ricorda questo paese per aver dato i natali al famoso pittore Dosso Dossi.

Per i nostri vigneti abbiamo utilizzato materiali che fossero il meno invasivi possibile, con barbatelle provenienti da vivai selezionati e di prestigio, di varietà che si integrassero con il “terroir” non senza un pizzico di sperimentazione. Sempre tutto nel rispetto, ovviamente, della natura.

Vigneti MantovanijpgPali in corten, inerbimento dei filari, irrigazione a goccia per il risparmio idrico, punto fondamentale delle economie alimentari dei prossimi anni, e aree di manovra adeguate per permettere ai mezzi un più agevole e meno dispendioso lavoro tra i filari delle vigne.



<< Il Grappello Ruberti - una delle tipologie di vite che coltiviamo - è stato riconosciuto come vitigno nel 2013, prima era assimilato ai vitigni viadanesi. È un’uva autoctona, diffusa soprattutto nell’Oltrepò mantovano, ha grappolo serrato, grandezza media, forma cilindrica, allungata, acini di media grandezza e sferici, di colore blu-nero, con buccia ricca di pruina, spessa e consistente >>.